Arcipikkia 2.0

Circolo IL PONTE Ginosa

Monday, Nov 20th

Last update03:04:17 PM GMT

You are here:: Home

Network Giovani: un nostro socio rappresenta la Puglia

E-mail Stampa PDF

Dopo la recente firma della convenzione tra l'Arci e il Ministero della Gioventù, è partito, presso la sede nazionale ARCI a Roma, il progetto Network giovani che intende attivare sul territorio nazionale una rete di luoghi di produzione e diffusione delle pratiche partecipative e di cittadinanza attiva: consentire a giovani e gruppi di giovani l'opportunità di scambiare linguaggi ed autogestire esperienze espressive e formative, di associazionismo e di volontariato, puntando a favorire un inserimento attivo e consapevole nella vita sociale, mediante la promozione delle culture del dialogo e della legalità. Saranno realizzati dei Centri di AttivAzione Territoriale, uno per regione coinvolta, valorizzando e potenziando gli spazi messi a disposizione da comitati e circoli Arci, aperti al territorio e al coinvolgimento delle comunità locali, con particolare riferimento alle scuole e ai luoghi di aggregazione civica. Partecipa ai lavori, in rappresentanza della Puglia, il ginosino Davide Giove, responsabile Musica dell'ARCI Regionale.

Il Network mirerà a valorizzare l'ampia rete dei circoli giovanili già esistenti, organizzandoli all'interno di un network nazionale con nodi di rete regionali, e ponendoli alla base di un inedito percorso di sviluppo e messa a sistema di risorse, pratiche e saperi. I nodi della rete disporranno ciascuno di uno staff di animatori e saranno attrezzati e predisposti all'utilizzo delle nuove tecnologie. Ciascun centro regionale si candida dunque ad assumere il ruolo di punto di riferimento riconosciuto e visibile per i giovani del territorio, mettendo a loro disposizione competenze, consulenza, banche dati, opportunità e proposte formative e culturali, aperte a tutti come servizio alla collettività. L'Arci intende in sostanza valorizzare la forma associativa quale risposta compiuta e concreta ai bisogni espressivi e partecipativi dei giovani, e come luogo di promozione e pratica della cittadinanza attiva e dell'auto-organizzazione giovanile: il titolo del progetto allude in questo senso alla creazione e allo sviluppo di un network articolato capillarmente in una pluralità di territori, tale da tessere politiche comuni e competenze, servizi ed esperienze concrete, eventi culturali e sperimentazioni pilota. Il progetto avrà durata di 1 anno e prevede un programma di attività articolato in 3 fasi: costruzione del network nazionale, sperimentazione territoriale e messa a sistema dei Centri di AttivAzione, disseminazione e continuità, ciascuna declinata in una serie di specifiche attività tra le quali la realizzazione di 3 seminari nazionali di scambio, confronto, autoformazione sulle buone pratiche individuate e messe a sistema; la realizzazione di eventi per l'espressione della creatività giovanile e la promozione dei giovani artisti; la produzione di un Vademecum su ‘come si fa un'associazione giovanile' e legislazione di riferimento (prodotto in formato digitale creative commons); gemellaggi tra gruppi di giovani dei laboratori espressivi e delle attività aggregative; possibilità di partecipazione a campi di lavoro e solidarietà. Il progetto è concepito tuttavia come parte di un percorso più lungo e durevole, in grado di entrare a regime, riprodursi e svilupparsi ulteriormente, anche grazie alle partnership consolidate stabilite con le istituzioni locali.